Tre donne.

Tre donne di Mortara, due di nome Anna   e una Silvana. Hanno cominciato alle 9:30 di questa mattina. Terminando quasi tre ore dopo. 17 i sacchi neri zeppi di rudo raccolti lungo la Via Francigena dal passaggio a livello  sino alla chiesa della Madonna del Campo. Nel pomeriggio toccherà agli uomini a fare il resto della via fino all’Abbazia di Sant’Albino. Non è  stata una rivendicazione femminista la scelta della pulizia tutta in rosa, ma una semplice divisione dei compiti lungo l’arco della giornata. Obiettivo rendere bella la via per le 70 persone del Club Alpino italiano che domani passeranno di qui. Provenienti da un paese dell’hinterland milanese. Le ha spinte la voglia di lasciare a questi ospiti pellegrini il biglietto da visita di una  Via pulita.